Riacquisto di Azioni Proprie: Cosa Significa e Perché Si Fa

I riacquisti di azioni proprie (o stock buybacks) si riferiscono al riacquisto di azioni ordinarie da parte della società che le ha emesse.

Riacquisto di Azioni Proprie: Cosa Significa e Perché Si Fa

Il riacquisto avviene quando la società emittente paga agli azionisti il valore di mercato per azione e riassorbe quella parte della proprietà che era stata precedentemente distribuita tra investitori pubblici e privati. Con i riacquisti di azioni, la società può acquistare direttamente le azioni sul mercato aperto o direttamente dai propri azionisti.

Riacquisto di Azioni Proprie: Cosa Significa e Perché Si Fa

Negli ultimi decenni, questa pratica ha superato i dividendi come metodo preferito per restituire liquidità agli azionisti. Sebbene le società più piccole possano scegliere di esercitare i riacquisti, le società blue chip (alta capitalizzazione) sono molto più propense a farlo a causa dei costi (leggi anche Come i dividendi influenzano il prezzo delle azioni).

Riacquisto di Azioni: Motivi

Poiché le società aumentano il capitale azionario attraverso la vendita di azioni comuni e privilegiate, potrebbe sembrare contro natura che un’azienda possa scegliere di restituire quei soldi. Tuttavia, vi sono numerose ragioni per cui potrebbe essere vantaggioso per una società riacquistare le sue azioni, incluso il consolidamento della proprietà, la sottovalutazione del titolo e l’aumento dei suoi indici finanziari chiave.

La Liquidità Non Utilizzata…Costa!

Ciascuna quota di azioni ordinarie rappresenta una piccola partecipazione nella proprietà della società emittente, incluso il diritto di voto sulla politica aziendale e le decisioni finanziarie. Se un’azienda ha un proprietario amministratore e un milione di azionisti, in realtà conta 1.000.001 proprietari. Le società emettono azioni per aumentare il capitale azionario per finanziare l’espansione, ma se non ci sono opportunità di crescita potenziali in vista, mantenere tutto quel finanziamento inutilizzato equivale a condividere la proprietà senza una buona ragione.

Le aziende che si sono espanse per dominare il loro settore, ad esempio, potrebbero scoprire che esiste poco margine di crescita. E con così poche prospettive, portare grandi quantità di capitale proprio sul bilancio diventa più un peso che una benedizione.

Gli azionisti chiedono ritorni sui loro investimenti sotto forma di dividendi che è un costo del capitale netto: quindi l’azienda sta essenzialmente pagando il privilegio di accedere ai fondi che non sta utilizzando. Acquistare alcune o tutte le azioni in circolazione può essere un modo semplice per ripagare gli investitori e ridurre il costo complessivo del capitale.

+

Per questo motivo, ad esempio, Walt Disney (DIS) ha ridotto il numero di azioni in circolazione nel mercato acquistando 73,8 milioni di azioni, valutate complessivamente 7,5 miliardi di dollari, nel 2016.

Preservare il Prezzo delle Azioni

Gli azionisti di solito pretendono un flusso costante di dividendi in aumento dalla società. E uno degli obiettivi dei dirigenti aziendali è quello di massimizzare la ricchezza degli azionisti. Tuttavia, i dirigenti devono cercare di bilanciare i rendimenti da distribuire in base ad alcuni fattori, quali ad esempio un’economia in recessione.

Una delle banche più colpite durante l’ultima recessione globale del 2008 fu Bank of America Corporation (BAC). Oggi l’istituto ha recuperato abbastanza bene da allora, ma ha ancora tanto lavoro da fare per tornare al suo antico splendore. Tuttavia, a partire dalla fine del 2017, Bank of America aveva riacquistato 509 milioni di azioni nel precedente periodo di 12 mesi. Sebbene il dividendo sia aumentato nello stesso periodo, la direzione esecutiva della banca ha costantemente stanziato più liquidità per condividere i riacquisti piuttosto che i dividendi.

Perché i riacquisti vengono favoriti rispetto ai dividendi? Se l’economia rallenta o cade in recessione, la banca potrebbe essere costretta a tagliare il dividendo per preservare denaro. Il risultato avrebbe indubbiamente portato a una svendita del titolo BAC.

Impegnarsi a pagare i dividendi con aumenti costanti porterà certamente ad un aumento delle azioni di un’azienda, ma la strategia dei dividendi può essere un’arma a doppio taglio per qualunque società. In caso di recessione, i riacquisti di azioni possono essere ridotti più facilmente dei dividendi, con un impatto molto meno negativo sul prezzo delle azioni.

Azione Sottovalutata

Un altro dei motivi che può portare un’azienda ad intraprendere un’operazione di riacquisto è quando il management crede che le azioni siano sottovalutate. La sottovalutazione si verifica per una serie di motivi, ma spesso è causata dell’incapacità degli investitori di vedere la performance a breve termine di un’azienda, da notizie sensazionalistiche o un generale sentimento ribassista.

Un’ondata di riacquisti azionari ha travolto gli Stati Uniti nel 2010 e nel 2011, quando l’economia stava subendo una nascente ripresa dalla Grande Recessione. Molte aziende hanno iniziato a fare previsioni ottimistiche per i prossimi anni, ma i prezzi delle azioni societarie riflettono ancora la stasi economica che li ha tormentati negli anni precedenti. Queste società investirono in se stesse riacquistando azioni, sperando di capitalizzare quando i prezzi delle azioni iniziarono finalmente a riflettere nuove realtà economiche migliorate.

Se un’azione viene drasticamente sottovalutata, la società emittente può riacquistare alcune delle sue azioni a questo prezzo ridotto e quindi riemetterle una volta verificatasi la correzione del mercato, aumentando così il capitale azionario senza essere costretta ad emettere azioni aggiuntive. Sebbene possa essere una mossa rischiosa nel caso in cui i prezzi restino bassi, questa manovra può consentire alle imprese che hanno ancora bisogno a lungo termine di finanziamenti in conto capitale di aumentare il proprio capitale senza diluire ulteriormente la proprietà della società.

Ad esempio, supponiamo che un’azienda emetta 100.000 azioni a $ 25 per azione, raccogliendo $ 2,5 milioni. Una notizia inopportuna che mette in discussione l’etica della leadership della compagnia fa sì che gli azionisti in panico inizino a vendere, portando il prezzo a $ 15 per azione. La società decide di riacquistare 50.000 azioni a $ 15 per azione per un esborso totale di $ 750.000 e attendere che la frenesia finisca.

Il business rimane redditizio e lancia una nuova ed entusiasmante linea di prodotti nel trimestre successivo, facendo salire il prezzo oltre quello dell’offerta originale a $ 35 per azione. Dopo aver riguadagnato la sua popolarità, la società riemette le 50.000 azioni al nuovo prezzo di mercato per un afflusso totale di capitali di $ 1,75 milioni. A causa della breve sottovalutazione delle sue azioni, la società è stata in grado di trasformare $ 2,5 milioni in azioni in $ 3,5 milioni senza diluire ulteriormente la proprietà emettendo azioni aggiuntive.

Correzione Rapida per il Rendiconto Finanziario

L’acquisto di titoli azionari può anche essere un modo semplice per rendere l’azienda più attraente per gli investitori. Riducendo il numero di azioni in circolazione, il rapporto utili per azione (EPS) di una società viene automaticamente aumentato, poiché i suoi guadagni annuali sono ora divisi su un numero inferiore di azioni in circolazione. Ad esempio, un’azienda che guadagna $ 10 milioni in un anno con 100.000 azioni in circolazione ha un EPS di $ 100. Se riacquista 10.000 di tali azioni, riducendo le sue azioni in circolazione a 90.000, l’EPS aumenta a $ 111,11 senza alcun aumento effettivo dei guadagni.

Inoltre, gli investitori a breve termine spesso cercano di guadagnare rapidamente investendo in una società che offre un riacquisto programmato. Il rapido afflusso di investitori gonfierà artificialmente la valutazione del titolo e aumenterà il rapporto tra prezzo e utili della società (P/E). Il ROE (return on equity) è un’altra importante metrica finanziaria che riceverà una spinta automatica dal riacquisto di azioni (leggi anche Come Calcolare il ROE).

Un’altra interpretazione di un riacquisto è che la società è finanziariamente sana e non ha più bisogno di finanziamenti in eccesso. Può anche essere vista dal mercato come un’azienda che ha abbastanza fiducia da reinvestire in se stessa. Ad ogni modo, i riacquisti di azioni vengono generalmente considerati meno rischiosi rispetto all’investimento in ricerca e sviluppo per una nuova tecnologia o l’acquisizione di un concorrente; si tratta di un’azione redditizia, a patto che l’azienda continui a crescere.

Gli investitori considerano in genere i riacquisti di azioni come un segnale positivo di apprezzamento per il futuro. Di conseguenza, questi possono portare ad una corsa all’acquisto del titolo.

Il Lato Negativo dei Riacquisti Azionari

Un riacquisto di azioni inciderà sul rating di credito di una società se questa dovrà prendere in prestito denaro per riacquistare le azioni. Molte compagnie finanziano i riacquisti di azioni perché gli interessi sui prestiti sono deducibili dalle tasse. Tuttavia, le obbligazioni di debito drenano le riserve di liquidità, che sono spesso necessarie quando i “venti” economici si spostano contro un’azienda.

Per questo motivo, le agenzie di rating considerano i riacquisti di azioni finanziate in modo negativo: in pratica, non vedono aumentare l’utile per azione o capitalizzare su azioni sottovalutate come una buona giustificazione per l’assunzione di debito (leggi anche Guida ai Rating di Borsa).

Effetti Sull’Economia

Nonostante quanto detto sopra, i riacquisti azionari possono essere un fattore positivo per l’economia di un’azienda. Ma che effetti hanno sull’economia in generale? I riacquisti di azioni proprie tendono ad avere un effetto molto più diretto e positivo sull’economia finanziaria, in quanto conducono all’aumento dei prezzi delle azioni. Ma in molti modi, l’economia finanziaria si nutre di economia reale e viceversa. Ricerche hanno dimostrato che gli aumenti del mercato azionario hanno avuto un effetto migliorativo sulla fiducia dei consumatori, sui consumi e sui principali acquisti, un fenomeno definito “effetto ricchezza”.

Un altro modo in cui i miglioramenti nell’economia finanziaria hanno un impatto sull’economia reale sono i minori costi di finanziamento per le imprese. A loro volta, queste società hanno maggiori probabilità di espandere le operazioni o spendere per la ricerca e lo sviluppo. Queste attività portano ad un aumento delle assunzioni e dei redditi. Per gli individui, i miglioramenti nel bilancio familiare aumentano le possibilità che essi sfruttino questo reddito extra per comprare una casa o avviare un’impresa.

(* I CFD sono strumenti ad alto rischio. Il 74-89% di investitori perde i propri soldi facendo trading sui CFD. Sii consapevole che potresti perdere i soldi che decidi di investire.)

Trading online? Allenati senza rischiare con un Conto Demo
plus500
etoro
markets
iq option
bdswiss
24option
fxtm
avatrade

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *