5 ETF Che Replicano Il Settore Petrolifero

Se pensate che oggi il petrolio sia a buon mercato, allora potreste considerare di investire in un ETF che monitora il settore petrolifero.

Il rischio più immediato che si sta assumendo è dato dal fatto che il quadro domanda-offerta non favorisce un rimbalzo sostenibile del prezzo del petrolio: la fornitura globale è aumentata, ma la domanda si è indebolita a causa del rallentamento della crescita economica.

Tuttavia, le condizioni economiche di fondo non sempre corrispondono alle prestazione delle azioni o degli ETF petroliferi. A questo proposito, diamo ora uno sguardo a cinque ETF che replicano il settore petrolifero.

5 ETF Che Monitorano Il Settore Petrolifero

 

5 ETF Che Monitorano Il Settore Petrolifero: 1. United States Oil (USO)

  • Obiettivo: replicare la performance del West Texas Intermediate (WTI)
  • Attività nette (net assets): $ 3,41 miliardi
  • Expense Ratio: 0,72%
  • YTD Performance (rendimento calcolato dal 1° Gennaio): 5,18%
  • Performance a 1 anno: -37,72%
  • Data di lancio: 10 Aprile 2006
  • Performance dalla data di lancio: -86,05%
  • Volume medio di scambi giornalieri: 24 milioni

5 ETF Che Monitorano Il Settore Petrolifero: 2. iPath S&P GSCI Crude Oil (OIL)

  • Obiettivo: offre esposizione a leva finanziaria all’S&P GSCI Crude Oil Total Return Index
  • Attività nette: $ 838.350.000
  • Expense Ratio: 0,74%
  • Performance YTD: -17,02%
  • Performance a 1 anno: -43,62%
  • Data di lancio: 15 Agosto 2006
  • Performance dalla data di lancio: -89,14%
  • Volume medio di scambi giornalieri: 2,5 milioni

plus500

5 ETF Che Monitorano Il Settore Petrolifero: 3. PowerShares DB Oil (DBO)

  • Obiettivo: tenere traccia del DBIQ Optimum Yield Crude Oil Index Excess Return
  • Attività nette: $ 466.920.000
  • Expense Ratio: 0,78%
  • Performance YTD: -11,77%
  • Performance a 1 anno: -33,90%
  • Data di lancio: 5 Gennaio 2007
  • Performance dalla data di lancio: -67,33%
  • Volume medio di scambi giornalieri: 375.000

5 ETF Che Monitorano Il Settore Petrolifero: 4. ProShares Ultra Bloomberg Crude Oil (UCO)

  • Obiettivo: Cerca di replicare di 2 volte la performance giornaliera del Bloomberg WTI Crude Oil Subindex
  • Attività nette: $ 898.570.000
  • Expense Ratio: 0,95%
  • Performance YTD: -32,38%
  • Performance a 1 anno: -69,17%
  • Data di lancio: 24 Novembre 2008
  • Performance dalla data di lancio: -98,12%
  • Volume medio di scambi giornalieri: 9,3 milioni

5 ETF Che Monitorano Il Settore Petrolifero: 5. VelocityShares 3x Long Crude Oil (UWTI)

  • Obiettivo: Cerca di replicare di 3 volte la performance giornaliera dell’S&P GSCI Crude Oil Index.
  • Attività nette: $ 1,21 miliardi
  • Expense Ratio: 1,35%
  • Performance YTD: -53,34%
  • Performance a 1 anno: -87,74%
  • Data di lancio: 7 febbraio 2012
  • Performance dalla data di lancio: -99,64%
  • Volume medio di scambi giornalieri: 16 milioni

Analisi

5 ETF Che Monitorano Il Settore PetroliferoQuesti ETF potrebbero avere un certo potenziale di profitto, anche se storicamente non hanno premiato gli investitori a lungo termine.

I rapporti di spesa sono alti, non hanno finora generato profitti e due utilizzano la leva finanziaria. Se si vuole investire in petrolio, potrebbe essere più conveniente farlo in singoli titoli di società petrolifere: nello specifico, bisognerebbe prendere in considerazione quelle aziende con un forte flusso di cassa, un bilancio sano, redditività e dividendi costanti.

(* I CFD sono strumenti ad alto rischio. Il 74-89% di investitori perde i propri soldi facendo trading sui CFD. Sii consapevole che potresti perdere i soldi che decidi di investire.)

Vuoi conoscere e seguire valide strategie di Trading? Ecco IL CORSO giusto da seguire!
... Dopo il Corso, allenati senza rischiare con un Conto Demo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *