5 ETF Che Replicano Il Settore Petrolifero

Se pensate che oggi il petrolio sia a buon mercato, allora potreste considerare di investire in un ETF che monitora il settore petrolifero.

Il rischio più immediato che si sta assumendo è dato dal fatto che il quadro domanda-offerta non favorisce un rimbalzo sostenibile del prezzo del petrolio: la fornitura globale è aumentata, ma la domanda si è indebolita a causa del rallentamento della crescita economica.

Tuttavia, le condizioni economiche di fondo non sempre corrispondono alle prestazione delle azioni o degli ETF petroliferi. A questo proposito, diamo ora uno sguardo a cinque ETF che replicano il settore petrolifero.

5 ETF Che Monitorano Il Settore Petrolifero

 

5 ETF Che Monitorano Il Settore Petrolifero: 1. United States Oil (USO)

  • Obiettivo: replicare la performance del West Texas Intermediate (WTI)
  • Attività nette (net assets): $ 3,41 miliardi
  • Expense Ratio: 0,72%
  • YTD Performance (rendimento calcolato dal 1° Gennaio): 5,18%
  • Performance a 1 anno: -37,72%
  • Data di lancio: 10 Aprile 2006
  • Performance dalla data di lancio: -86,05%
  • Volume medio di scambi giornalieri: 24 milioni

5 ETF Che Monitorano Il Settore Petrolifero: 2. iPath S&P GSCI Crude Oil (OIL)

  • Obiettivo: offre esposizione a leva finanziaria all’S&P GSCI Crude Oil Total Return Index
  • Attività nette: $ 838.350.000
  • Expense Ratio: 0,74%
  • Performance YTD: -17,02%
  • Performance a 1 anno: -43,62%
  • Data di lancio: 15 Agosto 2006
  • Performance dalla data di lancio: -89,14%
  • Volume medio di scambi giornalieri: 2,5 milioni

plus500

5 ETF Che Monitorano Il Settore Petrolifero: 3. PowerShares DB Oil (DBO)

  • Obiettivo: tenere traccia del DBIQ Optimum Yield Crude Oil Index Excess Return
  • Attività nette: $ 466.920.000
  • Expense Ratio: 0,78%
  • Performance YTD: -11,77%
  • Performance a 1 anno: -33,90%
  • Data di lancio: 5 Gennaio 2007
  • Performance dalla data di lancio: -67,33%
  • Volume medio di scambi giornalieri: 375.000

5 ETF Che Monitorano Il Settore Petrolifero: 4. ProShares Ultra Bloomberg Crude Oil (UCO)

  • Obiettivo: Cerca di replicare di 2 volte la performance giornaliera del Bloomberg WTI Crude Oil Subindex
  • Attività nette: $ 898.570.000
  • Expense Ratio: 0,95%
  • Performance YTD: -32,38%
  • Performance a 1 anno: -69,17%
  • Data di lancio: 24 Novembre 2008
  • Performance dalla data di lancio: -98,12%
  • Volume medio di scambi giornalieri: 9,3 milioni

5 ETF Che Monitorano Il Settore Petrolifero: 5. VelocityShares 3x Long Crude Oil (UWTI)

  • Obiettivo: Cerca di replicare di 3 volte la performance giornaliera dell’S&P GSCI Crude Oil Index.
  • Attività nette: $ 1,21 miliardi
  • Expense Ratio: 1,35%
  • Performance YTD: -53,34%
  • Performance a 1 anno: -87,74%
  • Data di lancio: 7 febbraio 2012
  • Performance dalla data di lancio: -99,64%
  • Volume medio di scambi giornalieri: 16 milioni

Analisi

5 ETF Che Monitorano Il Settore PetroliferoQuesti ETF potrebbero avere un certo potenziale di profitto, anche se storicamente non hanno premiato gli investitori a lungo termine.

I rapporti di spesa sono alti, non hanno finora generato profitti e due utilizzano la leva finanziaria. Se si vuole investire in petrolio, potrebbe essere più conveniente farlo in singoli titoli di società petrolifere: nello specifico, bisognerebbe prendere in considerazione quelle aziende con un forte flusso di cassa, un bilancio sano, redditività e dividendi costanti.

(* I CFD sono strumenti ad alto rischio. Il 74-89% di investitori perde i propri soldi facendo trading sui CFD. Sii consapevole che potresti perdere i soldi che decidi di investire.)

Vuoi allenarti col Trading?
Prova il Conto Demo della piattaforma Plus500.
Comincia a prendere confidenza col trading senza rischiare il tuo capitale. VAI ALLA DEMO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *