I Mercati Emergenti Da Evitare Nel 2015

L’anno scorso avevo notato una certa “convenienza” nell’effettuare investimenti nei paesi facenti parte del “BRIC”, ovvero quell’acronimo utilizzato in economia internazionale per riferirsi congiuntamente a Brasile, Russia, India e Cina. Questi paesi hanno infatti alcuni elementi in comune: situazione economica in via di sviluppo, una grande popolazione (Russia e Brasile centinaia di milioni di abitanti, Cina e India oltre un miliardo di abitanti ciascuna), un immenso territorio, abbondanti risorse naturali strategiche e, cosa più importante, sono stati caratterizzati da una forte crescita del prodotto interno lordo (PIL) e della quota nel commercio mondiale dall’inizio dell’attuale secolo. Tuttavia oggi, per quanto riguarda gli investimenti, questa associazione dovrebbe chiamarsi solo IC, visto che i mercati emergenti di Brasile e Russia presentano un alto rischio negli investimenti! E questa situazione sembra destinata a durare per un bel po’. Vediamo ora il perché di tale sconvenienza.

Brasile

In questo momento, il Brasile è un paese allo sbando! In primo luogo, prendete in considerazione i seguenti fatti:

  • aspettativa 2015 del prodotto interno lordo (PIL): contrazione dello 0,66%
  • PIL del primo trimestre dell’anno: contrazione dello 0,58%

Con questi presupposti, non bisogna stupirsi se le stime continueranno a cambiare….in peggio:

  • aspettativa PIL 2016: espansione dell’1,40%
  • aspettativa PIL del primo trimestre 2016: espansione dell’1,50%

Tuttavia, in base allo stato attuale dell’economia brasiliana, sarebbe difficile immaginare uno scenario in cui il PIL si espande dell’1,50% nel 2016. Le revisioni al ribasso sono spesso un segno di altre cattive notizie a venire. E a differenza di gran parte delle economie più “problematiche” nel resto del mondo in questo momento, il Brasile non sta avendo a che fare con la deflazione, ma con l’inflazione!

  • Inflazione attesa nel 2015: 7,77% (oggi 7,47%)

Sappiate che il calo del PIL e l’aumento dell’inflazione rappresentano una combinazione pericolosa!

  • Inflazione attesa nel 2016: 5,51%
  • Inflazione attesa nel primo trimestre del 2016: 5,50%

I dati 2016 non ci dicono granché, ma sono comunque degni di nota. La presidente brasiliana Dilma Rousseff aveva un indice di gradimento del 23% nello scorso mese di Febbraio. Ad ogni modo, l’economia gioca un ruolo importante per la valutazione dell’operato della Rousseff e lo scandalo corruzione Petrobras (PBR) è stato un evento “storico” in Brasile che ha inciso molto sul gradimento del governo (54 politici della maggioranza indagati per corruzione!). Un altro problema è che il governo brasiliano è in grado di ridurre le agevolazioni fiscali, al fine di pagare i debiti. Ma se non lo fa a breve, come molti pensano, allora il debito sovrano del Brasile potrebbe perdere il suo status di “investment grade”.

Russia

La più grande differenza tra il governo brasiliano e quello russo è che Vladimir Putin ha un tasso di gradimento fra il popolo dell’86%! Ciò si deve in gran parte al fanatismo nazionalista attuato dal governo, che potrebbe quindi inficiare la veridicità di questo dato. Ad ogni modo, la Russia è economicamente più disastrata del Brasile. Ad esempio, il PIL 2015 dovrebbe diminuire del 5% e l’inflazione è attualmente superiore del 16,7% rispetto a un anno fa! Questo ha portato a un calo precipitoso del tenore di vita dei russi, con la maggior parte della popolazione che attualmente spende almeno il 50% del loro reddito in cibo, ovvero in beni di prima necessità. Le due grandi ragioni del disastro economico russo sono il crollo dei prezzi del petrolio e le sanzioni occidentali, quest’ultime dovute all’aggressione russa in Ucraina. Inoltre, il rublo russo ha ormai perso il 40% del suo valore rispetto al dollaro americano negli ultimi sei mesi. La situazione è così grave che Putin ha recentemente tagliato il suo stipendio del 10%. Ciò non significa molto economicamente, ma aiuta Putin ad apparire come un leader che pensa più al suo popolo che a se stesso. Il presidente russo ha anche ordinato un taglio dello stipendio del 10% di tutta la sua amministrazione e ne ha proposto un altro del 10% della spesa pubblica, escludendo però il settore della difesa. Tutti questi fattori fanno sì che la Russia non sia attualmente un luogo ideale dove investire.

----------------------- INVESTI IN ETF -----------------------

Migliori Broker per il Trading Online

Piattaforme
Min. Deposito
Leva Max
Demo Gratuita
€0
500:1
€50
30:1
€0
100:1

*il 78% degli investitori perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuta se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

investire sull'oro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *