Come Vengono Tassati I Guadagni Sul Forex Trading

Anni fa il Forex Trading, quando fu reso accessibile anche per i privati, era totalmente esente da qualsiasi tassazione. Ma tra il 2009 e il 2011, visto il successo e il fatturato che era in grado di generare, catturò l’attenzione dell’Agenzia delle Entrate che, con un iter piuttosto travagliato e insolito, definì dapprima i profitti sul Forex tassabili come capital gain senza la possibilità di deduzione dei loss, per poi fare marcia indietro su questo punto. Oggi vedremo come vengono effettivamente tassati i guadagni generati dal Forex Trading.

Nel 2012, in termini fiscali, il Forex fu equiparato ai CFD: ciò significa che sui profitti generati dal trading valutario si paga la normale aliquota di capital gain (26%) e si possono scalare le minusvalenze sulle posizioni in perdita per determinare i profitti da trading alla fine dell’anno. In caso di bilancio finale passivo le minusvalenze subite possono essere utilizzate come credito sulle plusvalenze future o a compensazione delle tasse dovute nello stesso periodo per capital gain ottenuto su altri prodotti di investimento. Per chi opera sul forex con broker esteri si applica il regime fiscale dichiarativo: spetterà quindi al trader richiedere la documentazione al proprio broker su tutte le transazioni effettuate e compilare di conseguenza i relativi campi nella propria dichiarazione dei redditi, versando le relative imposte dovute.

Migliori Broker per il Trading Online

Piattaforme
Min. Deposito
Leva Max
Demo Gratuita
€1
500:1
€100
30:1
€10
500:1

*il 77% degli investitori perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuta se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *