Storia del Titolo Apple

È noto che il mercato azionario riflette tutte le informazioni conosciute (come affermato dalla teoria del mercato efficiente), elaborando e assimilando rapidamente nuovi dati attraverso il meccanismo di mercato dell’acquisto e della vendita. Il mercato azionario è anche lungimirante e questo spiega perché le azioni di una società potrebbero diminuire anche quando gli utili dichiarati sono migliorati rispetto al trimestre precedente. Le aziende devono battere le aspettative del mercato nei loro utili per avere un’influenza positiva sulla loro capitalizzazione di mercato. Non è un caso che le aziende “manipolino” spesso i loro rapporti sugli utili per appaiare o superare le stime al fine di migliorare artificialmente i loro prezzi azionari. Di conseguenza, la gestione dei lori guadagni è altamente controllata dalla SEC, la Securities and Exchange Commission equivalente alla nostra Consob.

Storia del Titolo Apple – La Teoria del Mercato Efficiente

Dato il modus operandi del mercato azionario (leggi anche Mercato Azionario: I Fattori Principali Che Lo Influenzano), il rilascio di un prodotto o servizio innovativo e orientato al reddito è uno dei pochi modi in cui un’azienda possa influenzare in modo significativo la valutazione delle sue azioni. Questo perché la sfida di stimare accuratamente l’impatto che un prodotto distribuito a livello internazionale avrà sui guadagni di un’azienda e, successivamente, sulle azioni della società, è erculeo. Quando gli analisti di Wall Street sbagliano, la ricompensa potrebbe essere astronomica per gli investitori.

storia del titolo apple

Ad esempio, Wall Street valutò che l’iPhone 5 avrebbe venduto tra 6 e 10 milioni di unità nel primo weekend di lancio. Invece, le vendite si attestarono a poco più di 5 milioni di unità. Il 21 settembre 2012, data di uscita ufficiale dell’iPhone 5, Apple aprì la sua giornata di borsa a $ 702,56. Alla chiusura del mercato il 9 novembre, Apple venne scambiato a $ 547,06, con un calo del 22% del valore. Poiché Apple Inc. offre prodotti e servizi innovativi molto richiesti dai consumatori, l’azienda esemplifica in particolare l’elevata correlazione tra nuovi prodotti e il prezzo delle sue azioni.

Storia del Titolo Apple – Linee di Prodotti

Le principali linee di prodotto Apple sono iPhone, iPod, iPad e MacBook, che competono rispettivamente nei mercati dei telefoni cellulari, dei lettori multimediali, dei tablet e dei personal computer. Il che rappresenta una forte diversificazione nel loro portafoglio di prodotti. L’azienda di Cupertino ha una presenza incombente in ogni mercato e una reputazione che può essere attribuita al monopolio che la società sembra avere nel settore dell’innovazione tecnologica.

A partire dall’iPod, l’azienda ha trovato il modo di creare mercati che in precedenza non esistevano e rivoluzionare quelli già esistenti. A differenza di altre aziende comprese nel Fortune 500 (una lista compilata e pubblicata annualmente dalla rivista Fortune che classifica le 500 maggiori imprese societarie statunitensi misurate in base al loro fatturato), Apple è nota per il suo impegno per l’innovazione attraverso la sua divisione Ricerca & Sviluppo, evidenziato dal budget di $ 3,4 miliardi di R&S nel 2012, in crescita di $ 1 miliardo dal 2011. Altre società si concentrano maggiormente sulla pubblicità, sul taglio dei costi o sull’efficienza complessiva. Questo ci fa capire fin da subito le differenze tra Apple e le altre società concorrenti e non.

Storia del Titolo Apple – I Prodotti Che Hanno Fatto La Differenza

Le diverse versioni dei prodotti Apple rappresentano una potenziale miniera d’oro per gli investitori (leggi anche Perché Investire in Apple). Ma anche un rischio non indifferente! Sono stati condotti molti studi e analisi nel campo della previsione degli effetti di eventi come le versioni dei prodotti, come evidenziato dai test effettuati attraverso la teoria dei giochi. Con questo in mente, diamo un’occhiata ad alcuni dei prodotti Apple che hanno fatto la differenza.

Apple iPod

Il primo Apple iPod venne rilasciato nel Novembre 2001 e poteva contenere fino a 1.000 brani musicali con una durata della batteria di 10 ore, il tutto al prezzo di $ 399. Il primo giorno di trading dopo la data di rilascio del prodotto, l’azione Apple ebbe un rialzo insignificante di soli 5 centesimi, con il prezzo a $ 9,38. Tuttavia, una settimana dopo, il 19 novembre, Apple chiuderà a $ 10,00 per azione, con un aumento del 6,6%.

Anche se il suo effetto iniziale sul prezzo delle azioni Apple è stato attenuato, il primo iPod è stato il pioniere di una catena di prodotti di successo e avrebbe “ispirato” altre società produttrici di lettori multimediali portatili. Nel 2002, Apple rilasciò l’iTunes Store e una versione compatibile con Windows di iTunes, rendendo finalmente l’iPod una valida opzione per gli utenti Windows. Entro la fine del 2004, Apple aveva venduto oltre 10 milioni di iPod e il titolo era scambiato a $ 32,20.

Oggi la società di Cupertino detiene una quota di mercato di circa il 73,4%. Tuttavia, il regno dell’iPod potrebbe essere arrivato ormai alla conclusione: un numero sempre crescente di persone ascolta infatti la musica sui propri telefoni, cosa che sta spingendo la società a pensare di eliminare gradualmente il prodotto.

Apple iMac

Il computer MacBook è un altro esempio di prodotti Apple di grande successo. Questo riguarda in particolare l’iMac, rilasciato nel Maggio 1998 con l’azione AAPL che veniva scambiata $ 7,58. Anche se non ha avuto un impatto immediato sul titolo Apple, tre mesi dopo il suo rilascio l’azione venne scambiata a $ 9,22, facendo registrare un aumento del 21,6%.

L’iMac sarebbe il dispositivo più venduto attraverso i canali di vendita al dettaglio e vendita per corrispondenza nelle festività natalizie del 1998, secondo il New York Times. Due anni dopo l’uscita dell’iMac, il titolo Apple era scambiato a $ 27,53 facendo registrare un enorme aumento del 263%. La popolarità dell’iMac ha spianato la strada a prodotti di qualità come il PowerBook G4 nel 2001 e il MacBook Pro nel 2006. Secondo le stime del secondo trimestre 2012, Apple detiene una quota di mercato del 12% nel settore dei personal computer, con un trend sempre in crescita.

Apple iPhone

Probabilmente, il prodotto tecnologico più rivoluzionario mai creato dalla casa di Cupertino è stato il primo modello di iPhone, annunciato ufficialmente il 9 gennaio 2007. Il telefono era, in pratica, la combinazione di tre prodotti in uno: un telefono cellulare, un iPod widescreen con comandi touch e un rivoluzionario dispositivo di comunicazione Internet con e-mail di classe desktop, navigazione sul web, ricerca e mappe.

Quando il telefono è stato ufficialmente rilasciato per la vendita nel Giugno 2007, vendette circa 270.000 unità in meno di due giorni! Ma l’azione Apple guadagnò solo 7 centesimi dalla data di uscita del telefono, un rialzo esiguo forse attenuato dal fatto che le prime vendite del telefono erano inferiori alle stime di Wall Street. Un mese dopo, tuttavia, il prezzo del titolo salì a $ 141,43 da $ 122,04, facendo registrare un +15,9%.

L’iPhone ha cambiato radicalmente il panorama del mercato della telefonia mobile. Oggi il melafonino detiene una quota di mercato dell’8,8% nel settore dei telefoni cellulari e ben il 73% dei profitti dei telefoni cellulari.

Apple iPad

L’iPad completa la nostra lista dei prodotti Apple rivoluzionari. Annunciato il 27 gennaio 2010 e venduto per la prima volta il mese dopo, possiamo dire che l’iPad ha generato il mercato globale dei tablet. È interessante notare che Apple aveva già provato a vendere un tablet nel 1993: era conosciuto come Newton MessagePad ed era principalmente usato come assistente digitale personale. Tuttavia, non era niente in confronto al moderno prodotto dell’azienda, che contiene tutte le funzionalità dell’iPod Touch su uno schermo molto più grande e con un processore più veloce.

Il primo giorno di trading dopo la vendita, le azioni Apple sono leggermente aumentate da $ 234,98 a $ 238,49 alla chiusura, facendo registrare un +1%. Un mese dopo, tuttavia, la quotazione AAPL era arrivata a $ 266,35 per azione. Appena un anno dopo il rilascio dell’iPad, il prezzo del titolo Apple raggiunse i $ 341,19, con un incremento del 43%. Apple detiene una quota di mercato nel settore dei tablet del 50,4%.

Storia del Titolo Apple – Conclusioni

Ci sono state poche versioni di prodotti Apple che hanno immediatamente provocato un aumento vertiginoso del prezzo delle azioni della società. I day trader sono noti per “colpire” Apple al rilascio di ciascuno dei suoi prodotti, ma le ricchezze che cercano rapidamente sono troppo spesso un miraggio che scompare in maniera ancora più veloce!

D’altra parte, ogni prodotto ha avuto un effetto notevolmente positivo sull’azione per un periodo di tempo più lungo. La visione generale a lungo termine è quella giusta per inquadrare correttamente le vostre decisioni di investimento e non la volatilità giornaliera. Nel tempo, il meccanismo del mercato identificherà il vero valore del titolo AAPL nel mercato. In questo caso, la mentalità a lungo termine sarà quella vincente.

(* I CFD sono strumenti ad alto rischio. Il 74-89% di investitori perde i propri soldi facendo trading sui CFD. Sii consapevole che potresti perdere i soldi che decidi di investire.)

Vuoi conoscere e seguire valide strategie di Trading? Ecco IL CORSO giusto da seguire!
... Dopo il Corso, allenati senza rischiare con un Conto Demo

Un pensiero riguardo “Storia del Titolo Apple

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *