I Migliori 6 Titoli Farmaceutici Da Comprare Per i Dividendi

Quando gli investitori sono alla ricerca di azioni con dividendi, spesso optano per società di utilities o di beni di prima necessità. E fanno bene, intendiamoci.

Queste aziende sono infatti a prova di recessione: in questo modo il reddito, sotto forma di dividendi distribuiti, sono sicuri e affidabili. Al contrario, i titoli farmaceutici vengono raramente visti come investimenti efficaci, almeno in termini di dividendi. Anche se si tratta di un settore non-ciclico, le azioni di queste società sono spesso influenzate da un contesto normativo in continua evoluzione. Come si è visto, però, alcune delle più famose società farmaceutiche sono anche quelle che spesso forniscono dei dividendi molto solidi e costanti.

Infatti, il dividend yield medio per tutte le maggiori azioni farmaceutiche in questo momento (e considerate che ci sono alcune società che non pagano nulla!) è un ottimo 2,35%. Dato il potenziale di crescita nel settore rispetto al potenziale molto limitato delle utilities, ad esempio, non è quindi una cattiva idea investire oggi in questi titoli.

A questo proposito, diamo ora uno sguardo ad alcuni titoli farmaceutici che gli investitori a caccia di dividendi dovrebbero considerare di acquistare.

Gilead Sciences, Inc. (NASDAQ: GILD)

  • Dividend Yield: 4,2%

Un anno e mezzo fa, Gilead Sciences era seduta in cima al mondo! Aveva due tra i migliori (e più costosi) trattamenti per l’epatite C sul mercato che le hanno fatto guadagnare soldi a palate. Ironia della sorte, però, Gilead è diventata senza dubbio una vittima del proprio successo e della propria avidità, perché ha contemporaneamente ignorato la possibilità che un altro concorrente potesse produrre un farmaco migliore e a un prezzo inferiore. Ed è proprio quello che è successo con Abbvie Inc (NYSE: ABBV). Gilead è dovuta correre ai ripari, effettuando una “revisione” dei suoi farmaci di punta. Ad ogni modo, bisogna pur sempre considerare che il titolo GILD garantisce oggi un rendimento del 4,2% ed ha una storia forte nell’aumentare negli anni i dividendi agli azionisti.

GlaxoSmithKline plc (ADR) (NYSE: GSK)

  • Dividend Yield: 5%

All’inizio di questo mese, l’azienda farmaceutica GlaxoSmithKline ha reso pubblico i risultati del quarto trimestre. I guadagni sono stati migliori del previsto, ma la casa farmaceutica ha anche reso noto agli azionisti che il 2017 potrebbe essere difficile a causa della crescente quantità di concorrenza nel settore dei farmaci generici (in particolare quelli per curare l’asma). Nei primi mesi del 2014, il titolo GSK era scambiato poco sopra i $ 55: oggi si attesta intorno ai $ 40, anche a causa delle preoccupazioni espresse dal CEO Andrew Witty sulla crescente concorrenza nel settore. Nonostante ciò, il titolo GSK ha un ottimo dividendo del 5%, sostenuto da una società che continua a crescere in linea con i suoi programmi.

Teva Pharmaceutical Industries Ltd (ADR) (NYSE: TEVA)

  • Dividend Yield: 4%

Il titolo TEVA ha perso oltre il 6% la scorsa settimana, dopo che si è diffusa la notizia che il CEO Erez Vigodman si sarebbe dimesso a causa di uno scandalo che ha portato l’azienda ha perdere numerosi brevetti per un importo di oltre $ 500 milioni (tra cui uno dei suoi farmaci più importanti, il Copaxone). Se a questo si aggiunge che le azioni TEVA sono in calo di oltre il 50% a partire dalla metà del 2015, potete capire come la società abbia ormai toccato il fondo! Ma è proprio questo l’elemento che ci fa essere ottimisti sul suo futuro. Negli intricati meccanismi della borsa, una delle certezze è che dopo il crollo c’è sempre una risalita. E gli ultimi dati economici resi noti dalla società sembrerebbero confermare questa teoria.

Sanofi SA (ADR) (NYSE: SNY)

  • Dividend Yield: 3,9%

SNY è forse il più trascurato fra i principali titoli farmaceutici. Forse perché si tratta di una società francese e non ha lo stesso “appeal” delle ben più famose Merck & Co., Inc. (NYSE: MRK) e Pfizer Inc. (NYSE: PFE). O forse è solo il fatto che Sanofi non commercializza molti farmaci ma, per politica aziendale, si concentra solo su quelli che sa di poter vendere in grandi quantità. In ogni caso, Sanofi produce un rispettabile dividendo del 3,9%, che paga costantemente da molti anni a questa parte. Attualmente la società è impegnata in una controversia legale con Amgen Inc. (NASDAQ: AMGN), che la accusa di aver violato un brevetto di quest’ultima. Al momento l’ingiunzione che impediva a Sanofi la vendita del Praluent (un farmaco contro il colesterolo) è stato revocata, ma solo temporaneamente. Questa decisione, anche se provvisoria, fa ben sperare Sanofi…e i suoi azionisti. Se non altro, possedere il titolo SNY offre una certa diversificazione geografica, che è una caratteristica molto utile se si possiede un paniere di titoli farmaceutici.

Pfizer Inc. (NYSE: PFE)

  • Dividend Yield: 3,9%

Nella lista dei migliori titoli farmaceutici con dividendo non poteva mancare Pfizer, uno dei colossi del settore. Il rendimento di quasi il 4% e gli utili sono piuttosto costanti. Eppure, Pfizer è probabilmente l’unico nome tra quelli di questa lista che produce e vende farmaci di tutti i generi: Lipitor, Enbrel, Prevnar, Viagra, Lyrica e altro ancora. Ma PFE non è solo una casa farmaceutica: è infatti molto popolare anche nel settore degli integratori alimentari. Questa sua incredibile diversificazione è stata base del suo successo.

Novo Nordisk A/S (ADR) (NYSE: NVO)

  • Dividend Yield: 3,9%

Con sede in Danimarca, Novo Nordisk realizza diversi farmaci, anche se la società è sconosciuta alla maggior parte dei consumatori. La fama di questa società è dovuta al suo popolare farmaco per il diabete, il Victoza, nonché a dei dispositivi iniettori di insulina. I ricavi e gli utili sono in costante crescita su base annuale, a volte anche a due cifre. Grazie agli ottimi risultati conseguita, Novo Nordisk sta conquistando pian piano grandi fette di mercato, sottraendole alla concorrenza. Altrettanto sorprendente è il fatto che l’azienda continua a dividere i suoi guadagni “fifty-fifty” (50/50) con gli azionisti! Così, mentre il rendimento corrente del 3,9% è solido, Novo Nordisk può vantare il miglior tasso di dividendo di crescita tra tutte le azioni farmaceutiche citate in questa lista.

(* I CFD sono strumenti ad alto rischio. Il 74-89% di investitori perde i propri soldi facendo trading sui CFD. Sii consapevole che potresti perdere i soldi che decidi di investire.)

Vuoi conoscere e seguire valide strategie di Trading? Ecco IL CORSO giusto da seguire!
... Dopo il Corso, allenati senza rischiare con un Conto Demo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *